Nuova apertura per WellDone a San Lazzaro: il progetto gourmet nato in Bolognina poco più di tre anni fa continua a crescere

Pubblicato: 5 marzo 2017 in Enogastronomia e turismo

gourL’hamburgeria gourmet WellDone – recensita dal Wall Street Journal tra le 5 migliori d’Europa – continua a crescere grazie alla nuova apertura a San Lazzaro in provincia di Bologna: è il quarto punto vendita in città, il sesto in Emilia Romagna e l’undicesimo sul territorio nazionale (Bologna, Modena, Padova, Cugnana vicino a Porto Cervo, Ferrara, Novara, Monza e la più recente Forlì). Dal 2013, anno in cui è stato aperto il primo ristorante WellDone nel quartiere della Bolognina, ad oggi un’ascesa e un’espansione importante che hanno saputo tenere insieme la valorizzazione della filiera e dei singoli territori. Scelte consapevoli rispetto alla scelta di materie prime, la continua ricerca di sane e golose ricette si unisce ad azioni di riqualificazione dell’area meltin’pot della Bolognina e il recupero del giardino Stefano Casagrande con la valorizzazione del chiosco in via Luigi Calori. Questo sviluppo del brand a livello nazionale ha reso possibile la creazione in questi anni di più di 100 posti di lavoro.

La riorganizzazione aziendale di WellDone vede accanto al gruppo imprenditoriale bolognese You Can Group Isabelle Rivaletto, co-fondatrice del progetto dalla sua nascita in gour1via Fioravanti, che diventerà la responsabile di tutti i punti vendita dell’area bolognese e Gabriele Cerruti, che ha portato a questo progetto la sua grande esperienza specializzata, tra le altre cose, nel settore del retail. WellDone ha recentemente stretto un legame con le realtà sportive locali come le Polisportive Giovanni Masi e San Mamolo per promuovere un’alimentazione sana e equilibrata tra i giovani atleti.

Anche se WellDone sta sempre di più diventando una meta per chi preferisce un’alternativa alla carne scegliendo le proposte di pesce come il “Selvaggio” (150 g di hamburger di Salmone, servito con insalata di aneto, cipollotto fresco, cetriolo in dadolata e concassea di pomodoro rosso e mousse allo yogurt) o quelle vegane come il “Tumerico” (hamburger di curcuma, fagioli cannellini e ceci panato con semi di girasole, servito con anacardi croccanti, spinaci freschi spadellati con pomodori secchi alla maggiorana e maionese leggera alla soia) o le altre proposte vegetariane tutti i punti vendita non mettono da parte l’attenzione nella scelta delle carni da allevamenti locali non intensivi alimentati ad erba, con la garanzia del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Bologna, fornite da LEM Carni. Il punto vendita di San Lazzaro introdurrà in WellDone una nuova metodologia di cottura con particolari e innovative piastre al vapore che conservano i valori nutrizionali senza grassi aggiuntivi. Rimangono come cavallo di battaglia i pani tutti artigianali e panificati con farine biologiche e lievito madre, come il pan brioche caro alla regina “Antonietta” di cui porta il nome, il “Senatore”, il “Multicereale” o il classico “Bob” disponibili per comporre il proprio burger. Il tutto accompagnato da golosi contorni come patate fritte o al forno, sticks di polenta o bocconi di bufala DOP.

Annunci

I commenti sono chiusi.