Circuito Cinema Bologna a GIUGNO “THE BEATLES SGT. PEPPER & BEYOND” e “MICHELANGELO AMORE E MORTE”

Pubblicato: 24 maggio 2017 in Cinema e teatro

beatlesTHE BEATLES: SGT. PEPPER & BEYOND – 30, 31 maggio e 1, 2 giugno @ Cinema Odeon

Dopo Eight days a week, che raccontava la nascita del mito e l’incredibile “stagione” live dei ragazzi di Liverpool, The Beatles: Sgt Pepper & Beyond affronta i dodici mesi più cruciali della carriera della band: l’anno in cui i Fab Four sospesero i tour diventando gli artisti più innovativi del mondo in sala di registrazione.

Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band è il primo concept album della storia della musica pop. Per la prima volta viene realizzato un disco che ruota attorno a un unico tema, sviluppando complessivamente una storia.

L’album è montato in un’unica sequenza, equilibrata come il programma di un concerto. Il concerto, nella finzione ideata dai Fab Four, è quello della Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band che si esibisce davanti al proprio pubblico. La prima traccia, infatti, è anticipata da un brusio di spettatori in attesa e dai musicisti che accordano gli strumenti.Nel film immagini e interviste inedite che raccontano il periodo magico degli Abbey Road Studios, la nascita delle canzoni e il lancio dell’album che più di ogni altro ha segnato la loro storia. Un nuovo capitolo per approfondire quell’avventura che forse è ancora oggi la più rivoluzionaria del panorama culturale mondiale.

“E’ pazzesco, 50 anni dopo stiamo ancora ripensando a questo progetto con affetto e stupore per come quei 4 ragazzi, il loro magnifico produttore e i suoi ingegneri del suono siano riusciti a produrre un’opera d’arte così duratura” – Paul McCartney

INGRESSO INTERO 10 € – INGRESSO RIDOTTO 8 €

INFO e PREVENDITE: https://circuitocinemabologna.it/

La grande arte al cinema

MICHELANGELO: AMORE E MORTE – 19, 20 e 21 giugno @ Cinema Odeon

Uomo dall’energia straripante, ossessionato dall’arte, a tratti selvatico, complesso, fragile,michelangelo assolutamente geniale. Michelangelo Buonarroti (1475-1564), figlio del podestà Ludovico di Leonardo Buonarroti Simoni, fu uno dei giganti che attraversarono la magnifica stagione del Rinascimento italiano. La sua esistenza tormentata
e burrascosa e il suo eccezionale talento ne fecero uno degli artisti più amati di tutti i tempi, autore di capolavori come il David, la Pietà, Mosè, la Cappella Medicea, la volta della Sistina e il Giudizio Universale, la Pietà Rondanini… Scultore, pittore, architetto e poeta, l’artista nato a Caprese nel 1475 sarà il protagonista dell’ultimo docu-film, con eccezionali immagini in alta definizione, della stagione 2017 della Grande Arte al Cinema. Michelangelo. Amore e morte è un viaggio cinematografico d’eccezione attraverso le opere, i musei e i luoghi fondamentali della vita del Buonarroti: Firenze naturalmente, e poi Roma e la Città del Vaticano; si snoda attorno a una delle figure più carismatiche ed enigmatiche del Rinascimento, esplorandone i rapporti con i contemporanei e l’eredità artistica che ha lasciato dietro di sé. Ripercorrendo la biografia di Vasari, si comincia con l’apprendistato nella bottega del Ghirlandaio e l’incontro con Lorenzo il Magnifico nel Giardino di San Marco, una sorta Accademia ante litteram dove i giovani talenti studiavano le opere e le tecniche artistiche, copiando giorno dopo giorno le collezioni di arte antica dei Medici; seguono lo studio attento del corpo umano, di cui ci racconta il professore di anatomia Peter Abrahams, e la relazione complessa con i vari, eccezionali artisti fiorentini dell’epoca. Il film invita gli spettatori ad esaminare intimamente le opere e il processo artistico di Michelangelo: dalle cave di Carrara da cui ha attinto i suoi marmi, sino ai segreti dei lavori di più recente attribuzione. Il percorso si snoda infatti dalle opere più antiche, come i rilievi marmorei della Madonna della Scala e della Centauromachia conservati a Casa Buonarroti, cui ci introduce il direttore Alessandro Cecchi, per passare poi ad analizzare il Crocifisso di Santo Spirito in legno policromo, mostrando la cura con cui l’artista, ancora giovanissimo, riesce a descrivere l’anatomia del Cristo. Il documentario ci guida quindi alla scoperta dei grandi capolavori pittorici, dal Tondo Doni degli Uffizi alla Deposizione di Cristo nel sepolcro della National Gallery, dalla volta della Cappella Sistina al Giudizio Universale, e approfondisce il delicato e appassionato tema del non finito che caratterizza molte delle opere dell’artista.

INGRESSO INTERO 10 € – INGRESSO RIDOTTO 8 €

INFO e PREVENDITE: https://circuitocinemabologna.it/

Annunci

I commenti sono chiusi.