Giappone. Storie d’amore e di guerra i più grandi artisti dell’Ottocento giapponese saranno esposti a Palazzo Albergati dal 21 marzo al 29 luglio

Pubblicato: 17 marzo 2018 in Arte e mostre

jgenklepebcejimk.jpgGeisha e samurai, donne bellissime ed eroi leggendari, attori kabuki, animali fantastici, mondi visionari e paesaggi bizzarri sono i protagonisti della mostra Giappone. Storie d’amore e di guerra.

Attraverso una selezione di oltre 200 opere, il Mondo Fluttuante dell’Ukyo-e arriva per la prima volta a Bologna a Palazzo Albergati, calato per l’occasione nella elegante e raffinata atmosfera del periodo Edo (1603-1868).

 

Saranno esposti i più grandi artisti dell’Ottocento giapponese tra cui Hiroshige, Utamaro, Hokusai, Kuniyoshi. La mostra offre un panorama completo anche sulla vita dell’epoca in Giappone, con l’esposizione di vestiti di samurai, kimono, ventagli e fotografie.

Il percorso si snoda tra il suadente mondo femminile delle Geisha e delle Ōiran (le cortigiane d’alto rango) e il fascino dei leggendari guerrieri samurai, il racconto della nascita dell’ukiyo-e e le famose stampe Shunga ricche di erotismo, le opere che ritraggono gli attori del teatro Nō e Kabuki accanto a quelle che rappresentano il mondo della natura in tutte le sue manifestazioni – fiori, uccelli e paesaggi.

La mostra sarà corredata da un nutrito programma di attività didattiche e collaterali quali la Panoramacerimonia del tè, la creazione degli origami e molto altro.
Sarà insomma un meraviglioso viaggio attraverso la storia, l’arte e la bellezza del Giappone.

Con il patrocinio del Comune di Bologna la mostra è prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia e curata da Pietro Gobbi.


 

Sede

Palazzo Albergati, Bologna

www.palazzoalbergati.com

www.arthemisia.it

Orario apertura

Tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00

(la biglietteria chiude un’ora prima)

Biglietti

Intero € 14,00 (audioguida inclusa)

Ridotto € 12,00 (audioguida inclusa)

Informazioni e prenotazioni gruppi

T. +39 051 030141

 

 


Annunci

I commenti sono chiusi.