Il Premio Arenella Città di Palermo celebra il Decennale. Premiati i vincitori.

WhatsApp Image 2019-06-02 at 12.27.05Il 31 maggio si è svolta a Palermo, presso la prestigiosa Sala delle Lapidi di Palazzo delle Aquile, la cerimonia di premiazione della X edizione del “Premio Arenella Città di Palermo”, ideato e promosso dall’Associazione Culturale “Palermo Cult Pensiero”, Presidente dottor Francesco Anello, che ha introdotto la serata ponendo l’accento sul bisogno di ascolto che ha la poesia per l’avvento di un nuovo umanesimo. Ancora oggi dunque, più che mai, in tempi in cui è necessario dare segni forti la poesia deve assolvere anche e soprattutto ad una funzione sociale.

Come ha sottolineato il professore Salvatore Di Marco, critico letterario, scrittore e poeta, nel suo iniziale discorso di apertura, il Premio Arenella, nato dieci anni fa come possibilità per valorizzare attraverso la poesia il territorio della bella borgata marinara dell’Arenella, non ha perso il suo iniziale spirito francescano di umiltà e ha conservato gli aspetti umani e sociali che veicola.

Il Premio che nel tempo ha raggiunto ottimi risultati ampliando la sua notorietà e partecipazione, è ormai un appuntamento atteso e apprezzato da poeti ed esponenti del mondo della cultura, sia a livello regionale che nazionale, proprio per quella cultura del confronto che dà ampio respiro ai valori di condivisione, solidarietà e rispetto. Valori che il professore Tommaso Romano, nel suo intervento a ricordo del pensatore e letterato Pietro Mignosi ha ribadito, parlando della poesia come “atto di sincerità, di fede, di amore”.

Il notevole livello delle sillogi poetiche premiate è garantito dalla pregevole giuria che seleziona le opere e che è composta dalle dottoresse Eliana Calandra, direttrice dell’archivio storico di Palermo, Rita Cedrini, antropologa e dai professori Salvatore Di Marco, Presidente di Giuria, Tommaso Romano saggista e poeta e Ciro Spataro, storico e fondatore del Premio Letterario “Città di Mondello”.

Vincitori della X edizione del Premio Arenella sono:

Maria Nivèa Zagarella con la silloge “Ncuntraju lu mari” per la poesia dialettale

Finalisti sono: Gaetano Capuano con la silloge “’Ncàlia ‘ncàlia” e Vincenzo Aiello con la silloge “Faiddi di ciatu”.

Maria Concetta Borgese con la silloge “Il mio tempo” per la poesia in lingua italiana.

Finalisti sono: Antonino Causi con la silloge “Ogni uomo ha la sua isola” e Giuseppe Manitta con la silloge “Gli occhi non possono morire”.

Come ogni anno è stata consegnata la Targa Prestigiacomo, importante riconoscimento per l’impegno alla diffusione della cultura, quest’anno sono stati premiati: Domenica Perrone, docente di letteratura italiana contemporanea Università di Palermo, Evelina Santangelo scrittrice e Giuseppe Maurizio Piscopo insegnante e compositore.

Per l’occasione del Decennale sono stati invitati tutti i poeti vincitori e i premiati della Targa Prestigiacomo dalla prima edizione ad oggi ed è stata consegnata loro una medaglia e una pubblicazione che racconta i dieci anni del Premio.

Presenti a questo importante evento della città di Palermo l’Assessore Comunale alla Cultura Adham Darawsha, l’Assessore Regionale all’Istruzione Roberto La Galla e Giuseppe Fiore Presidente della VII Circoscrizione di Palermo.

La manifestazione condotta in maniera eccellente dalla brava Katiuska Falbo è stata impreziosita dalle musiche del Gruppo Tetra Kordes del Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo.

Le poesie sono state magistralmente interpretate dalla voce di Francesca Guajana.

 

 

da Palermo Giovanna Sciacchitano