Dal 6 giugno al 15 settembre la Collina delle Meraviglie nuovo locale su colli bolognesi

fioro 2 la collinaIl 6 giugno alle 19.00, in via di Sabbiuno 6 inaugura un nuovo spazio di valorizzazione del territorio delle prime colline bolognesi e delle risorse del territorio stesso,“La Collina delle Meraviglie”, elaborato dall’associazione culturale “Dalla Terra in su” assieme a Stappo e Sposto, società che si occupa di promozione di vini e prodotti alimentari.

Sarà un luogo in cui i prodotti e le bellezze del territorio, unite alla buona musica, al cibo genuino e al vino artigianale, dialogano tra loro al tramonto, valorizzandosi l’un l’altro.

“La collina delle meraviglie” ospiterà un mercato contadino che darà la possibilità di fare la spesa direttamente dal produttore: frutta, verdura, formaggi, salumi, pollame, uova, miele, olio, piante ed erbe aromatiche, piante fiorite e altri prodotti del territorio.

Il mercato persegue la finalità delle azioni di educazione alimentare ed orientamento dei consumi. I principali obiettivi del mercato sono: favorire lo sviluppo locale attraverso la valorizzazione delle risorse territoriali e la creazione di un rapporto di fiducia fra consumatore e produttore; avvicinare la città alla campagna, anche attraverso iniziative musicali, culturali e naturalistiche; garantire ai consumatori la qualità dei prodotti ed un giusto rapporto tra la qualità e il prezzo; affermare il valore culturale del cibo, inteso come espressione di identità e storia.

foto 1 La CollinaIl progetto prevede infatti che, oltre alla vendita diretta al pubblico, le aziende agricole coinvolte forniscano le materie prime utilizzate da un food truck – che si chiama Sposto – che ogni sera le trasformerà in piatti della tradizione emiliana, per un aperitivo oppure per una cena completa.

I produttori saranno presenti saltuariamente al mercato, compatibilmente con le loro occupazioni nei campi; i loro prodotti invece saranno sempre disponibili nel mercato, seguendo la stagionalità e i tempi naturali della produzione.

Nel progetto ha un ruolo fondamentale l’offerta musicale, intesa sia come naturale colonna sonora al magico spettacolo del calar del sole e sia come momento di promozione di artisti locali.

La proposta di una piccola rassegna di musica dal vivo ha infatti lo scopo di agire sul tessuto della città, proponendosi di attrarre nuovi ascoltatori di musica e aggiungendo nuovi segmenti a chi è già appassionato, rinnovando il gusto del pubblico attraverso nuove proposte e miscele di generi musicali non canoniche: si darà pertanto spazio ad artisti emergenti del territorio perché possano incontrare un pubblico sempre più vasto. La direzione artistica e tecnica sarà curata da Antonio Lovato, professionista del settore musicale e teatrale, ex proprietario del Vinile Soundsfood di Bologna.

La piccola kermesse, inizia il 6 giugno alle 20.30, con il concerto del vibrafonista Pasquale Mirra, “Moderatamente solo”, in cui proporrà delle suite per vibrafono, percussioni, campane tibetane e oggetti. L’artista che vanta collaborazioni internazionali ci regalerà un concerto con composizioni dall’aspetto inconsueto che si alternano ad improvvisazioni strutturali e libere, in modo variabile ed imprevedibile, come costituite da tanti frammenti e “forme” scollegati fra loro.

È previsto uno spazio dedicato ai bambini, adeguatamente protetto, con sabbia e giochi da spiaggia per i più piccoli e corner con giochi di società e di abilità per i più grandi: questo per permettere alle famiglie di godersi la sosta e il ristoro con serenità, contando sul divertimento e sull’accudimento dei propri figli.

Oltre agli intrattenimenti musicali si organizzeranno intrattenimenti per bambini il sabato (burattini, circo, giochi di società, yoga…) con operatori esperti e professionisti del settore: l’intrattenimento per bambini sarà a cura di ComunicaMente Srl, agenzia esperta nell’organizzazione di eventi e didattica.

Infine verranno organizzate, ogni mercoledì e venerdì sera (a partire dal 21 giugno, in orario 19.00-20.00), delle passeggiate naturalistiche con guide specializzate, che partiranno dalla Collina delle Meraviglie per arrivare attraverso i calanchi al monumento ai caduti di Sabbiuno, per poi fare ritorno alla Collina attraversando boschi e campi coltivati.

Il luogo dove si terrà il mercato contadino e dove avranno sede le iniziative culturali e ricreative del progetto “La collina delle meraviglie”, è un’area agricola privata che sorge in via di Sabbiuno 6, a Bologna (accanto all’ex ristorante La Lumiera), con accesso diretto dalla strada e parcheggio interno; l’area è di proprietà dell’azienda agricola Foyer, capofila nella promozione e gestione del mercato contadino.

Siamo lieti tra l’altro di annunciare che la Collina delle Mereviglie fa parte di Bologna Estate 2019, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna con Città metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica

IN BREVE Alla Collina delle Meraviglie in sintesi troverete: – Un mercato contadino con frutta, verdura, uova, formaggi, miele e altri prodotti di aziende contadine delle colline bolognesi e modenesi; – Un food truck che trasformerà questi prodotti contadini in piatti della tradizione emiliana, ospitando saltuariamente ristoratori amici di altre regioni d’Italia; – Selezione di vini in mescita di vignaioli artigianali, italiani e stranieri, fatta da STAPPO; – Presentazioni di aziende vitivinicole e serate di abbinamento tra musica e vino; – Birre alla spina del microbirrificio Bellazzi, di San Lazzaro di Savena; – Musica diffusa e concerti dal vivo – Giochi e intrattenimenti per bambini – Corner di attrezzi per ciclisti

Il programma delle iniziative

Giovedì 6 Giugno ore 20,30- Moderatamente Solo Pasquale Mirra, vibrafono Suite per vibrafono, percussioni, campane tibetane, oggetti. Come in un quadro cubista, l’esecutore propone una Suite dalla forma bidimensionale. Composizioni dall’aspetto inconsueto si alternano ad improvvisazioni strutturali e libere, in modo variabile ed imprevedibile, come costituite da tanti frammenti e “forme” scollegati fra loro.

Sabato 8 giugno ore 18.30- Laboratorio a carattere scientifico: “Le costellazioni- Esploratori di stelle”-operatore Lisa Vitali Un lungo viaggio attraverso il quale ci proietteremo nella meravigliosa esplorazione di una mappa speciale: il cielo. Scopriremo le costellazioni e i loro nomi presi in prestito dalla narrazione antica, ascolteremo le molteplici storie che hanno ispirato gli uomini di epoca diverse, ed intraprenderemo un viaggio antropologico alla scoperta dei molteplici visioni che il cielo ha assunto nel corso della storia; basti pensare che per molti popoli il cielo era considerato il tetto del mondo. Tutto ciò senza perdere di vista le scoperte scientifiche che ci hanno consentito di comprendere maggiormente lo spazio fisico sopra di noi e di apprezzarne ancora di più la magnificenza e l’immensità. Seguirà un laboratorio per portare a casa un pezzettino do cielo

Sabato 15 giugno ore- Laboratorio a carattere ambientale-emotivo: “Il mio erbario sensoriale-emotivo”, operatore Francesca Chiellini L’erbario non è solo una raccolta a carattere scientifico dell’incredibile varietà offerta dalla natura. A prova di ciò, realizzeremo un erbario dove le piante non solo raccontano di un nostro sentimento, di una piccola emozione, ma sono anche evocative della storia di un luogo, in questo caso di Sabbiuno. Catturati dagli odori inebrianti dei fiori, dalle loro forme e colori, ascolteremo suoni, storie, parole che ricordano avvenimenti e sentimenti del passato, ma che in fondo parlano di noi e ci appartengono. L’erbario diventerà la memoria visiva e olfattiva di un luogo e delle persone che lo abitano.

Giovedì 20 giugno, ore 20.30- Limbo Tree Alessandro Bigi, voce, armonica, chitarra Fabrizio Luca, percussioni Franco Barletta, basso elettrico Luca Boero, tastiera Special guest alla chitarra Antonio Lovato Il progetto LIMBO TREE nasce da un’idea di Fabrizio Luca, percussionista, da sempre attivo sulla scena bolognese. Sarà un viaggio attraverso la storia della musica giamaicana, dal Calypso allo ska, dal Rocksteady al reggae, fino a raggiungere echi di dub strumentale, attraverso le canzoni più rappresentative dei vari stili. Il risultato è un suono morbido ma allo stesso tempo intenso, accattivante sia per chi vuole passare una serata di ascolti che per chi avesse intenzione di abbandonare il corpo al ritmo sincopato delle tradizione caraibica.

Sabato 22 giugno, ore 18.30 -Laboratorio a carattere storico medievale e su Sabbiuno: “La tua città Medievale” – operatore Orsola Pellegrino Il percorso è un tuffo nel passato alla scoperta della storia di Sabbiuno nella cornice più ampia dell’epoca Medievale. Ma Sabbiuno non sarà l’unica protagonista del nostro racconto: ci muoveremo dalle sue alture verso la pianura e verso Bologna, città che conserva larghe testimonianze artistiche e storiche del suo importante trascorso medievale. A seguire, costruiremo insieme il modellino di Bologna, mescolando forma, colore e anche un po’ di fantasia…

Giovedì 27 Giugno ore 20,30- As Madalenas Cristina Renzetti ,voce, chitarra e percussioni Tati Valle, voce, chitarra e percussioni.
Il concerto delle Madalenas è uno spettacolo molto variegato e dinamico: ora intime, ora energiche, si scambiano gli strumenti e le intenzioni, la lingua italiana e quella portoghese esprimendo la forza e la delicatezza del mondo femminile e le sfumature diverse del folklore brasiliano, del samba e dello swing.

Sabato 29 giugno ore 19.00 – Il Circo Errante Stabile- con Elio Fabbri “Telp & Samanta”, il clown Telp che presenta il nuovo numero del clown giocoliere più piccolo al mondo ma.. inaspettatamente Telp conosce Samanta.. e tutto cambia..

Sabato 6 luglio ore 18.30- Laboratorio a carattere storico-rievocazione ludica : “I giochi di una volta” –operatore Marco Tagliavini La modernità ed il progresso tecnologico hanno sicuramente trasformato le nostre vite, spesso in meglio, ma hanno anche portato via il ricordo dei giochi di una volta, intendo quelli in cui il gioco aveva la durata scandita dalla luce del sole, dalla clemenza del tempo e della pazienza dei grandi che lasciavano i bambini liberi di fare il loro lavoro, cioè giocare. I giochi non si compravano nei negozi, ma bisognava inventarli con ciò di cui si aveva a disposizione e bisognava lasciar correre la fantasia. Nel laboratorio, scopriremo che il catalogo giochi più importante e più grande del mondo è ancora in nostro possesso: la creatività.

Sabato 13 luglio ore 18.30- Yoga per bambini Proposto dallo studio Yoga Mood