Archivio per la categoria ‘Vino e Cantine’

fivi-valgiano-20Il 24 ottobre la seconda edizione dell’evento che anticipa il Mercato dei Vini di Piacenza. In tre locali della città 5 vini di Vignaioli raccontati da altri Vignaioli

120 vini, 44 Vignaioli Indipendenti, 24 locali, 14 cene e 10 degustazioni in 10 regioni diverse. Sono i numeri della seconda edizione di Un Mercoledì da Vignaioli, l’evento che si terrà il 24 ottobre 2018 in diversi locali della Penisola, tutti Punti di Affezione FIVI. In ogni locale saranno presenti uno o due Vignaioli che presenteranno i vini in degustazione di altri 5 produttori dell’Associazione e che spiegheranno agli ospiti cos’è la FIVI e quali sono le battaglie che porta avanti. Per statuto il Vignaiolo FIVI è colui che coltiva le sue vigne, imbottiglia il proprio vino, curando personalmente il proprio prodotto. Vende tutto o parte del suo raccolto in bottiglia, sotto la sua responsabilità, con il suo nome e la sua etichetta.
Ogni locale sarà libero di interpretare il tema della serata, proponendo 5 vini di Vignaioli Indipendenti, che nel caso dei ristoranti saranno abbinati a 5 piatti, mescolando pietanze e vini da diverse regioni. (altro…)

Annunci

rocche1Il Sangiovese superiore Sigismondo 2017 premiato per il secondo anno consecutivo con il più ambito dei premi del mondo del vino: Tre Bicchieri del Gambero Rosso.

Sempre più convincente il percorso intrapreso da Le Rocche Malatestiane con il progetto cooperativo sui territori riminesi, raccontati attraverso i tre sangiovese superiore dell’azienda, Tre Miracoli, Sigismondo e I Diavoli, vinificati nella cantina dei Colli Romagnoli di Coriano. Tre vini che rappresentano il racconto delle identità stilistica dei Sangiovese a Rimini, declinata sul piano territoriale.

E come scrive il Gambero Rosso, nel presentare le cantine vincitrici, anche Le Rocche Malatestiane fanno parte della “griglia di realtà che giocano a definire la ‘Nuova Romagna’ del vino”. Il Sangiovese superiore Sigismondo è l’unico Sangiovese nel riminese ad essere premiato dalla prestigiosa guida.

www.rocchemalatestiane.it

faenza1Faenza conferma la sua vocazione al vino. Per il terzo anno consecutivo il quartiere fieristico ospiterà un evento di caratura nazionale dedicato ai vignaioli artigiani. È Back to the Wine, in programma il 18 e 19 novembre prossimo, curato da Andrea Marchetti, ideatore della comunità di Vinessum, con l’organizzazione di Blu Nautilus.

 

Non è un caso che questo evento sia ospitato in terra manfreda, territorio tra i più dinamici in ambito enologico. La particolarità di Back to the Wine (“Ritorno al vino”) sta in una chiara scelta di campo: non un evento generalista, bensì un appuntamento con una sua identità precisa, omaggio agli artigiani del vino, quelli con una produzione enoica di qualità a tiratura limitata (in media tra le 10.000 e 20.000 bottiglie), e con un particolare occhio di riguardo all’ecosostenibilità, al minimo interventismo in cantina. (altro…)

contizecca4Dolcissima e al tempo stesso sapida come il sapore delle brezze marine. Grappoli belli e sanissimi!  Quest’anno la vendemmia, nelle Tenute Conti Zecca (www.contizecca.it) , è stata straordinaria. A fare la differenza, nonostante alcuni temporali, è stata l’agricoltura sostenibile cui la Cantina aderisce ormai da due anni, sottoponendosi a un rigido disciplinare stabilito dal ministero delle politiche agricole.

“Una terra viva, non trattata, dà un prodotto vivo”, dice Clemente Zecca. “Aderendo all’agricoltura sostenibile, il primo passo per entrare in biologico, quest’inverno abbiamo piantato, tra le viti, avena e  trifoglio. I terreni non hanno sofferto il caldo e quando sono arrivate le piogge… l’acqua è stata drenata via. In questo modo i grappoli sono rimasti sanissimi”. (altro…)

enologicaIl nuovo corso di Enologica piace, convince, appassiona. Soddisfatti i produttori, i relatori dei seminari, i tanti ospiti stranieri e il numerosissimo pubblico che per tutte e tre le giornate (con picchi di presenze da “tutto esaurito” il sabato e la domenica pomeriggio) ha affollato Palazzo Re Enzo nel cuore di Bologna dal 6 all’8 ottobre.

«Per questa edizione di Enologica il bilancio è molto positivo – dichiara Pierluigi Sciolette, Presidente di Enoteca Regionale Emilia Romagna, che organizza e cura l’evento bolognese – Siamo soddisfatti perché si è registrata un’intensa affluenza di pubblico di appassionati e di operatori del settore. Tutto questo è la testimonianza del periodo favorevole che sta vivendo il vino della nostra regione e dà risalto al lavoro appassionato di tanti produttori che stanno presentando vini di grande qualità. Grande successo anche per l’iniziativa Carta Canta che premia, come ambasciatori dei vini dell’Emilia Romagna, i ristoratori e i locali che hanno una significativa presenza di vini regionali nei propri menù. Ogni anno cresce il numero di ristoranti che ci segnalano le loro carte per avere l’opportunità di essere premiati e questo significa che l’Emilia Romagna sta crescendo sia in termini di vini sia di food e di turismo, dimostrando di offrire un buon stile di vita». (altro…)

Enologica_2018_Conferenza_Stampa_Mi_manifestoConferme e soprattutto molte novità per l’edizione 2018 di “Enologica”, il Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna, l’evento capace di unire il vino e il cibo della regione con quelle che sono le caratteristiche ambientali e culturali che rendono unica l’Emilia Romagna.

Confermata la sede dell’evento, lo splendido Palazzo Re Enzo nel cuore di Bologna, e l’organizzazione di Enoteca Regionale Emilia Romagna, grazie alla quale Enologica ha attratto un numero sempre maggiore di aziende partecipanti, di operatori del settore italiani e stranieri e di pubblico, facendo segnare nelle ultime edizioni un costante trend positivo. (altro…)

NbCg5C-AUna prima edizione di successo. È così che si può sintetizzare l’esperienza del primo Pantelleria DOC Festivalcelebrato dal 31 agosto al 9 settembrenell’isola siciliana, cerniera tra l’Africa e l’Europa. Il festival, che ha visto coinvolte tutte le contrade pantesche, ha avuto come protagonista assoluta la raccolta di quell’uva zibibbo, coltura che segna così nel profondo l’aspetto e l’animo dell’isola.

Merito del Consorzio dei Vini Pantelleria Doc che, insieme al consorzio turistico Pantelleria Island, ha promosso il festival e; un merito a cui si aggiunge il sostegno dell’Assessorato Regionale Agricoltura, il patrocinio del Comune e del Parco Nazionale. Ancora oggi, a Festival concluso, è possibile per i turisti presenti sull’isola ammirare lo spettacolo delle uve zibibbo in appassimento, prima del loro passaggio in cantina dove daranno vita a quello che è il vero e proprio nettare dell’isola, il Passito. (altro…)