Archivio per dicembre, 2018

giovanni greco

Giovanni Greco – presidente CVA Canicattì

Una produzione che sfiora quota un milione di bottiglie e una crescita del fatturato soprattutto in valore per l’aumento del prezzo medio a bottiglia. E poi ancora un nuovo vigneto all’interno del Parco della Valle dei  Templi e il progetto per l’uscita sul mercato di due nuovi vini per festeggiare il cinquantesimo anno della sua fondazione. Bilancio e prospettive per l’immediato futuro scandiscono gli ultimi giorni di lavoro  di questo 2018 che, per CVA Canicattì, conferma il trend di crescita registrato nell’ultimo quinquennio.

Quello che sta per terminare è, con certezza, l’anno destinato ad entrare negli annali dell’azienda,  che, in poco meno di un decennio, grazie ad una visione imprenditoriale lungimirante centrata sul consolidamento del mercato,  ha raggiunto un posto di assoluto rispetto nel gotha delle aziende siciliane, per reputazione enologica e fiducia dei consumatori. Dietro questo percorso virtuoso c’è il lavoro di squadra di circa 300 vignerons che hanno raccolto la (altro…)

Annunci
48416185_10217921881188742_6911935300889477120_nLA STELLA DA SEGUIRE – Racconto di Natale è il nuovo lavoro del videmaker Calogero Ricciardello, realizzato  in collaborazione con Planct-ON microarte fluida bozzolo di un collettivo che nasce dal movimento creativo di due mine fluttuanti, Domenica Scalisi di Sinagra e Valentina Siligato di Brolo.
La Stella da Seguire è un documentario realizzato e diretto da Calogero Ricciardello per Sicilian Moments, progetto che approfondisce con sguardo realista il tema delle tradizioni e dell’identità siciliana. 48360295_2369273139754091_3485720226786443264_n

La Stella da Seguire è però più di un semplice documentario sulla cultura siciliana, è un’opera narrativa sull’amore e sulla dedizione, sulla capacità di trasformare questi

(altro…)

PROVA-CACTUS-FIORITO-SETUP-NO-PUNTE(0)SetUp Contemporary Art Fair annuncia la sua VII edizione dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019 con un programma ricco di sorprese e novità, nella suggestiva sede di Palazzo Pallavicini. Nata nel 2013, la Fiera indipendente dedicata all’arte contemporanea emergente, organizzata da Simona Gavioli, torna ad animare le giornate dell’art week bolognese, contraddistinguendosi per il suo spirito frizzante e innovativo. Dopo il grande successo e il forte apprezzamento da parte di visitatori, espositori e addetti ai lavori, la nuova edizione si prepara a coinvolgere un pubblico sempre più ampio.

IL FORMAT

L’intramontabile format, unico e originale, vede come protagoniste le tre figure chiave del mondo dell’arte: artista, curatore, gallerista. Gli espositori sono chiamati a proporre un progetto curatoriale con un massimo di tre artisti under 35 presentati da un testo critico di un curatore under 35. Un minimalismo fortemente voluto rispetto alle scorse edizioni, con il quale SetUp vuole porre per quest’anno un’attenzione speciale sui singoli artisti al fine di creare dei focus mirati che permettano ai collezionisti e agli appassionati di godere di un’offerta artistica di grande qualità. (altro…)

legality band projectMercoledì 19 dicembre, presso il Tuata, in via Saragozza 67, alle 21.00, la Legality Band Project, suonerà a colpi di rock sociale. Dopo avere girato in lungo e in largo lo stivale e aver raccontato la legalità attraverso la musica, torna a Bologna, città in cui è nata, e dove ha sede la Wedō (label di Legality Band Project), con lo scopo di diffondere un modello replicabile di crescita sociale ed etica e portare il suo messaggio: l’economia civile ed etica è possibile su qualsiasi territorio .
“Bologna è diventato un corridoio privilegiato per gli affari di riciclaggio della mafia – dichiara Francesco Maria Gallo, fondatore del progetto –. La Legality Band, con il suo rock esorta i bolognesi a non abbassare la guardia. Non a caso la Regione Emilia Romagna ha investito 2 milioni di euro su progetti finalizzati a contrastare l’illegalità mafiosa e ha anche istituito un osservatorio sulla criminalità organizzata”. (altro…)

cityboomIl Natale è alle porte. Ad accompagnare grandi e piccini lungo tutto il periodo che porta alla festa più magica dell’anno ci sarà una grande sorpresa.

“City Booming Bologna”, la mostra allestita nella ex chiesa di San Mattia, nel cuore di Bologna, a pochi passi da Piazza Maggiore, presenta un enorme diorama di 60 metri quadri della più grande città al mondo costruita da oltre 7 milioni di mattoncini.

Visto l’enorme successo di pubblico, con oltre 28.000 visitatori, l’esposizione riaprirà dal 21 dicembre al 6 gennaio con tutto il suo caleidoscopio di mattoncini che creano un ambiente magico, ma estremamente realistico, dove nulla è lasciato al caso e ogni angolo nasconde una storia da raccontare e dove, per l’occasione, saranno inseriti dei dettagli natalizi come un grande albero di Natale. (altro…)

setSetUp Contemporary Art Fair annuncia la sua VII edizione con un programma ricco di sorprese e novità, nella suggestiva sede di Palazzo Pallavicini dal 31 gennaio al 3 febbraio 2019. Nata nel 2013, la Fiera indipendente dedicata all’arte contemporanea emergente, organizzata da Simona Gavioli, torna ad animare le giornate dell’artweek bolognese, contraddistinguendosi per il suo spirito frizzante e innovativo. Dopo il grande successo e il forte apprezzamento da parte di pubblico, espositori e addetti ai lavori, la nuova edizione si prepara a coinvolgervi ancora di più.
IL FORMAT
L’intramontabile format, unico e originale, vede come protagoniste le tre figure chiave del mondo dell’arte: artista, curatore, gallerista. Gli espositori sono chiamati a proporre un progetto curatoriale con un massimo di tre artisti under 35 presentati da un testo critico di un curatore under 35. Un minimalismo fortemente voluto rispetto alle scorse edizioni, con il quale SetUp vuole porre per quest’anno un’attenzione speciale sui singoli artisti al fine di creare dei focus mirati che permettano ai collezionisti e agli appassionati di godere di un’offerta artistica di grande qualità.

(altro…)

Red wine and chocolate barIl Natale è dietro l’angolo e cresce in Italia il consumo di cioccolato, soprattutto fondente. Il Bel Paese si differenzia dagli altri per la sua preferenza: il fondente pesa come il latte (50%). E qual è quindi il vino giusto da abbinare?

Perfetto in queste occasione, e non solo, è la prima Docg riconosciuta in Puglia (2011)  e l’unica delle quattro Docg dedicata esclusivamente a un vino rosso dolce: il Primitivo Dolce Naturale che, nonostante il successo dei suoi ‘fratelli secchi’ Primitivo di Manduria doc Primitivo di Manduria doc riserva, vanta di un posto speciale tra i vini italiani. Raggiunge il clou proprio con il cioccolato fondente, in particolare con quello ad alte percentuali di cacao perché l’equilibrio tra amaro e il sapore dolce e distintivo del Primitivo, formano una coppia inseparabile, senza che né uno né l’altro cedano.

Ottimo alleato anche per gustare al meglio i dolci di pasticceria secca ed è anche un ottimo vino da meditazione per i suoi piacevoli 16 °. (altro…)